Damiano e Margherita, due insoliti fratelli

I fratelli Murray: insieme, ma uno alla volta

Negli ultimi tempi sono apparsi molti duetti familiari interessanti nel mondo del tennis. Fratelli Brian, sorelle Williams, Radwansky, Bondarenko, fratello e sorella di Safina. Ogni duetto è interessante a modo suo. Ma sarebbe sbagliato ignorare un'altra coppia di tennisti con lo stesso cognome. Che Andy e Jamie Murray non abbiano ancora vinto tanti titoli quanto, diciamo, gli americani Brians o i russi Safins. Apparentemente, è solo una questione di tempo.

Quando le persone nel mondo del tennis sentono parlare di un giocatore di nome Murray, pensano subito ad Andy, un giocatore di 20 anni nella top 10 con cinque titoli in carriera. Ma devi anche sapere del fratello maggiore, il 22enne Jamie.

Il bonario scozzese non dovrebbe sfuggire all'attenzione del pubblico solo perché la sua nicchia è diventata una combinazione di coppia meno popolare. A differenza di Andy, che deve vivere sotto l'eredità dell'eredità di Tim Henman delle aspettative dei fan - l'aspettativa del solo britannico che vince Wimbledon - Jamie è libero da qualsiasi pressione. È tutto fantastico: gioco una coppia con successo. Ho ottenuto buoni risultati, vincendo alcuni tornei, anche Wimbledon 2007 nel doppio misto (con la serba Elena Jankovic). Ma so che questo non è assolutamente paragonabile al risultato di Andy - dopotutto, è tra i primi dieci giocatori. Non invidio, niente del genere, lascia andare tutto come va.

Il capitano della squadra britannica in Coppa Davis, John Lloyd, crede che Jamie si comporti con maturità e grazia date le circostanze: tiene notevolmente sotto controllo la sua gelosia. Gli piace solo la sua vita da tennis. Dopotutto, chiunque abbia un fratello o una sorella minore di maggior successo potrebbe essere geloso. Chiunque, ma non Jamie.

Tutti i fan amanti del gossip ipotizzano se ci sia qualche animosità tra i fratelli dopo che Jamie ha rimproverato Andy attraverso i media. Ciò è accaduto quando il più giovane dei fratelli ha rifiutato di volare in Argentina per la partita di Coppa Davis 1/8. Andy lo ha motivato con un infortunio al ginocchio, ma Jamie sentiva che suo fratello semplicemente non voleva fare un lungo viaggio, essendo sicuro che la Gran Bretagna fosse condannata. Poi l'anziano Murray ha detto: Certo, questo influisce sul mio atteggiamento nei suoi confronti.

Ma i fratelli sono fratelli. Di conseguenza, il battibecco non si è trasformato in una seria faida familiare e Jamie continuerà a vivere nell'appartamento londinese di Andy senza affitto. E se c'è un lato positivo in questo incidente, è che i fratelli Murray hanno dimostrato la loro indipendenza e il diritto di esprimere liberamente le loro opinioni.

I Murray sono cresciuti a Dunblane, un villaggio scozzese nel sud del Perthshire. La loro mamma ha iniziato a insegnare loro a tennis dal momento in cui Jamie aveva quattro anni. Una volta, quando entrambi i fratelli erano in uno degli edifici della loro scuola, il corso misurato della vita cittadina fu interrotto da un maniaco che uccise sedici bambini e un insegnante della loro scuola. Sì, eravamo lì quel giorno - ricorda Jamie. - Onestamente, non ricordo i dettagli, perché avevo solo dieci anni e non avevo idea di quanto fosse orribile.

Naturalmente, da bambino, J.Eimi ha giocato meglio di Andy, ma tutto è cambiato quando, all'età di quindici anni, Andy ha deciso di partire per allenarsi in Spagna. Jamie ha trascorso diversi mesi lì con suo fratello, ma non ha voluto trasferirsi per molto tempo: gli amici e la famiglia gli erano cari. È andato in Spagna e ci siamo visti a malapena per circa tre anni. Durante questo periodo, ha avuto luogo un salto di qualità nel suo gioco e ha iniziato a giocare a un livello molto più alto di me. Penso che la sua decisione di andarsene sia stata corretta, perché molti elementi del suo gioco attuale Andy ha acquisito lì.

La prima performance memorabile di Andy, che si è divertito molto nei futures e negli sfidanti, è arrivata nell'estate del 2005. Dopo aver ricevuto il WC a Londra, ha completato con successo due giri, perdendo in un'aspra lotta contro Thomas Johansson. Essendo arrivato a Wimbledon in modo simile, ha vinto due partite lì, e in 1/16 era in testa a David Nalbandian 2: 0 nei set, ma soprattutto a causa della mancanza di forza fisica ha perso tre partite facili.

Dopo Wimbledon, Andy ha annunciato ufficialmente che Mark Petchy, che ha lavorato con lui durante la stagione sull'erba, è il suo allenatore permanente: sono così felice che Mark sia diventato il mio allenatore, penso che la nostra collaborazione avrà successo. Mi ha aiutato molto nelle ultime settimane e lavorando con lui sto migliorando costantemente il mio gioco. E in autunno a Bangkok, ha raggiunto per la prima volta la finale del torneo ATP, perdendo solo con Roger Federer. Dopo una prestazione così riuscita, è entrato per la prima volta nella top 100 dei tennisti.

Il talento del britannico è diventato evidente a tutti nella stagione 2006, quando a San Jose ha vinto il suo primo titolo nella sua carriera, battendo le ex prime racchette del mondo Andy Roddick e Lleyton Hewitt. Tuttavia, lasciando una settimana dopo nei quarti di finale di Memphis, Murray ha ottenuto una striscia nera. Non ha vinto più di una partita in un torneo fino al torneo di Nottingham di giugno. Questo ha spinto Andy a pensare di cambiare il suo allenatore. Insieme alla British Tennis Federation, ha scelto il famoso Brad Gilbert, che ha allenato a lungo Andre Agassi, così come l'omonimo di Andy - Roddick. Inoltre, è stata la Federazione a sostenere i costi per pagare questo specialista.

Brad ha dato al gioco di Murray austerità e solidità. Questo ha dato i suoi frutti e il britannico ha iniziato a salire di nuovo in classifica. 1/8 Wimbledon (è diventato il primo scozzese dell'era Open a venire fin qui), la finale di Washington, le semifinali del Masters a Toronto - ed è già alle soglie dei vent'anni. In autunno, Andy ha aiutato la sua squadra a sconfiggere la nazionale ucraina ea rimanere nel primo gruppo euro-africano della Coppa Davis. Ha concluso l'anno per la prima volta tra i primi venti, al 17 ° posto.

Nel 2007, Murray ha continuato a confermare che la British Tennis Federation non sta sprecando soldi con Brad Gilbert. Ha iniziato la stagione con la finale di Doha, perdendo contro Ivan Ljubicic. E poi c'è stata una pazza partita di cinque set degli 1/8 di finale degli Australian Open contro Rafael Nadal. Andy ha vinto la prima e la terza partita, ma avrebbe potuto prendere la seconda o la quarta: nella seconda era in vantaggio di 4: 1, e nella quarta, con un punteggio di 3: 2, aveva cinque breakpoint a suo favore, ma non è stato in grado di ordinare correttamenteessere loro. La realizzazione di questi importanti traguardi - 3 su 17 - è diventata uno dei fattori determinanti nella sconfitta del britannico. Dopo quella partita del quarto set, Nadal ha preso l'iniziativa e Murray non è stato abbastanza né fisicamente né mentalmente: per i restanti un set e mezzo ha preso solo una partita.

Un po 'più tardi, Andy ha difeso con successo il titolo a San Jose, battendo la finale del gigante croato Ivo Karlovic. Nello stesso torneo, ha vinto il titolo di doppio con suo fratello. È interessante notare che l'ultima volta che i fratelli conquistarono entrambi i titoli nel 1989 furono Emilio e Javier Sanchez.

Due semifinali del Masters a Indian Wells e Miami con facili sconfitte di Novak Djokovic hanno permesso ad Andy di entrare per la prima volta nella sua vita tra i primi dieci. Tuttavia, non ha dovuto rallegrarsi per questo fatto per molto tempo: nel primo turno di Amburgo, contro l'italiano Filippo Volandri, che ha battuto lo stesso Roger Federer una settimana prima, Murray si è infortunato al polso e ha dovuto saltare diversi mesi. Ha provato a giocare sui campi di Wimbledon, ed era anche in griglia del torneo, ma all'ultimo momento ha rifiutato, decidendo di non rischiare la salute.

Lo scozzese è tornato già al Montreal Masters. I primi tornei sono stati molto difficili per lui. È stato in grado di ottenere una forma ottimale solo per i playoff di Coppa Davis. Era la partita d'addio di Tim Hanman e, ovviamente, tutti volevano una sorta di consegna del testimone dal vecchio favorito del pubblico - al giovane. La Gran Bretagna ha sconfitto la nazionale croata indebolita e per la prima volta da molti anni è entrata nel World Group.

In quella stagione Andy ha giocato con successo altri due tornei: ha raggiunto la finale di Metz, perdendo lì contro Tommy Robredo dopo aver vinto il primo set al volante. e ha anche vinto un torneo a San Pietroburgo. A proposito, è venuto anche a Mosca, ma ha perso al secondo turno contro Janko Tipsarevic, dopo di che ha detto che il serbo era stato citato in giudizio (la loro partita si è svolta sul primo campo, non dotato del sistema Hawk-eye). Vediamo se il britannico tornerà da noi quest'anno.

In ogni caso Brad Gilbert non verrà sicuramente con lui. Si sono lasciati alla fine di novembre - Murray ha trovato più utile creare una squadra di allenatori. Include Jez Green, Matt Little e Miles McLagan.

È difficile giudicare quanto questo abbia aiutato Andy. Le sue esibizioni nel 2008 ricordano le strisce zebrate - titolo a Doha - primo turno di AO - titolo a Marsiglia - primo turno di Rotterdam. Dubai completato solo di recente è da qualche parte nel mezzo: da un lato, al primo turno, non ha battuto nessuno, ma Roger Federer. E ha vinto per la seconda volta consecutiva, che dopo l'ascesa dello svizzero sul trono del tennis sono riusciti solo Rafael Nadal, Guillermo Cañas e David Nalbandian. Lo scozzese invece si è fermato ai quarti di finale, perdendo contro Nikolai Davydenko.

Almeno Andy è di nuovo alle soglie delle decine, ma nel prossimo mese dovrà affrontare una prova difficile: difendere due semifinali di fila della serie Masters. E dopo, verrà il momento per il tennista britannico quando non ha giocato un anno fa, e, di conseguenza, questoora non ha niente da difendere. Questo gli dà un'ottima possibilità di prendere piede tra i primi 10.

Chissà quanto cambierebbe il percorso tennistico di Jamie se seguisse suo fratello in Spagna?

Tuttavia, guardando alle sue caratteristiche fisiche, possiamo concludere che la coppia è la scelta perfetta per Jamie da 190 cm, soprannominato il disteso per la sua impressionante apertura del braccio. Questo ragazzo dai capelli ricci gode di una maggiore attenzione femminile, ma insiste sull'inammissibilità di relazioni romantiche serie in qualunque momento presto. Almeno quest'anno, perché Murray Sr. dice che vorrebbe giocare con Max Mirny il più a lungo possibile e cercare di arrivare al Masters finale.

È un ragazzo grande con le braccia lunghe - ha detto di Jamie Mike Brian dopo essere stato sconfitto nelle finali di Delray Beach con un super timer. - Legge bene la partita ei suoi pugni vengono consegnati. È sicuramente un giocatore di doppio: molti dei suoi pugni sono inutili da soli, ma funzionano alla grande in coppia grazie a uno swing breve.

Nel complesso, Jamie Murray è diventato un grande giocatore di tennis, quasi liberandosi dell'autorità di suo fratello su di lui. E dopo si è scoperto che anche se a volte viene riconosciuto solo come fratello di Andy, non è così male. Sì, succede ancora, ma ci sono cresciuto e ci sono abituato, quindi va bene, questo è il giudizio di Jamie su questo argomento.

Basato su materiali di ATP ed ESPN.

La Chiesa di Papa Francesco

Messaggio precedente Olkhovsky: Marat ha una buona squadra a sua disposizione
Post successivo Tomas Berdych: Voglio arrivare alla Master Cup