Dipinti e Disegni dei volti delle donne e madonne di Leonardo da Vinci

Una collezione incompiuta. Donne

Il giorno prima nel materiale Raccolta incompleta. Uomini abbiamo parlato di trofei che mancavano nelle collezioni dei migliori tennisti della storia. Oggi è una storia su collezioni simili non finite nel tennis femminile.

Va ​​notato che le ragazze hanno meno tenniste a cui mancava un torneo prima del casco Career. Ciò è in gran parte dovuto alle prestazioni assolutamente eccezionali di Martina Navratilova e Chris Evert, che contemporaneamente hanno collezionato quasi tutti i titoli possibili. Poi è apparsa Steffi Graf, che ha anche vinto tutto quello che poteva. Oggi Serena Williams ha una collezione completa di possibili titoli. Inoltre, come nel caso degli uomini, Roland Garros e Wimbledon sono i più inaccessibili.

IVONN GULAGONG COLEY E US OPEN

Una situazione unica. La tennista australiana Yvonne Gulagong-Cowley non è mai arrivata agli US Open. I suoi anni migliori sono stati negli anni '70. È stata particolarmente brava agli Australian Open di casa, dove ha vinto quattro volte. Inoltre, ha vinto Roland Garros e Wimbledon. L'australiano è persino riuscito a diventare il leader della classifica WTA nel secondo anno dalla sua comparsa. È vero, è stata in testa solo per due settimane, ma è passata alla storia. Il vero ostacolo per il Gulagong-Cowley sono stati gli US Open. Forse, tra tutti i tennisti menzionati nei due materiali, aveva più possibilità di vincere il trofeo mancante. Per quattro anni di seguito, Yvonne ha raggiunto la finale degli US Open, ma ogni volta ha fallito. Nel 1973 ha perso contro Margaret Court, nel 1974 è stata battuta da Billie Jean King e nei due anni successivi, quando il torneo si è svolto sulla terra battuta, ha perso contro Chris Evert. E solo l'ultima finale l'australiana ha perso senza opzioni, e nel resto ha preso il set e ha ingaggiato un combattimento senza successo.

Una collezione incompiuta. Donne

Monica Seles

MONICA SELESH & WIMBLEDON

La carriera di Monica Seles è stata una delle più drammatiche nella storia del tennis. Era al suo apice quando nell'aprile 1993 fu vittima di un'aggressione in campo. È generalmente accettato che non ci sia stato d'animo congiuntivo nello sport, eppure c'è un'alta probabilità che Monica avrebbe conquistato Wimbledon se non fosse stato per quell'incidente. Almeno, prima della tragedia, aveva tutte le possibilità per questo. Quindi un anno prima di quell'incidente, era il più vicino possibile al titolo. Nel 1992, è stata testa di serie a Wimbledon al numero uno. In semifinale in una partita tesa, ha sconfitto Martina Navratilova, ma in finale è stata tranquillamente battuta da Steffi Graf. Il tedesco è stato un altro fattore che ha impedito a Monica di eccellere a Wimbledon. Negli anni '90 dominava questi tribunali. Eppure, c'era la possibilità che se non fosse stato per la pausa forzata nel 1993, Monica avrebbe avuto una possibilità. Prendi Wimbledon 1994, dove Steffi ha perso al primo turno e Conchita Martinez ha vinto il torneo.

MARTINA HINGIS E ROLAN GARROS

Martina Hingis ha una carriera sviluppato anche in modo ambiguo. Lei RAno ha lasciato il tennis, poi è tornato. E nella seconda metà, non ha ottenuto molti risultati. La sua ora più bella è stata la fine degli anni '90, quando è volata all'Olimpo del tennis in giovane età. Tuttavia, non è mai riuscita ad avere successo al Roland Garros. Anche se la sua combinazione di tennis era abbastanza coerente con la superficie in terra battuta. Eppure Martina ha giocato meglio in quel periodo. Ha trascorso la sua migliore stagione nel 1997, quando ha vinto tre tornei del Grande Slam. Mancava solo una vittoria a un traguardo storico, perché a Parigi è riuscita ad arrivare in finale. Al Roland Garros 1997, la svizzera è stata la prima testa di serie. In semifinale, in una partita difficile, ha battuto Monica Seles. Sembrava che il più difficile per Hingis fosse finito. Nella partita decisiva l'aspettava Iva Majoli, non abbastanza stelle dal cielo. Per la croata, questa è stata l'unica finale del Grande Slam della sua carriera. Ma in quella partita Majoli era più forte. L'anno successivo Martina è stata fermata da Seles in semifinale. E la svizzera ha perso la sua migliore occasione per vincere il Career Helmet nel 1999. È riuscita facilmente ad arrivare in finale senza perdere una sola partita. Nella partita decisiva ha vinto il primo set contro il 29enne Steffi Graf. Ma poi la tedesca ha cambiato le sorti della partita e ha vinto il suo 22 ° e ultimo titolo del Grande Slam nella sua carriera. Ciò suona particolarmente ironico, dal momento che un anno prima Hingis aveva parlato sull'argomento che il tempo del Graf è già passato. Quando Steffi si è davvero ritirato dal tennis, Martina si è fermata due volte in semifinale del Roland Garros.

Una collezione incompiuta. Donne

Lindsay Davenport

LINDSEY DAVENPORT E ROLAN GARROS

In questo caso, la mancanza di titoli da parte di Davenport al Roland Garros sembra abbastanza logica. Il movimento in campo non è mai stato la carta vincente di Lindsay, ma sul campo gioca un ruolo importante. Davenport è stata brava a leggere il gioco, ha sempre mostrato un tennis coerente. Ha trascorso molto tempo in prima linea, ma è molto indietro rispetto a molti leader nel numero di tornei del Grande Slam vinti. Davenport ha ottenuto solo tre grandi successi: uno in Australia, nel Regno Unito e negli Stati Uniti. È curioso che sia diventata la prima racchetta al mondo alla fine del 2001, anche se in quella stagione non è nemmeno arrivata in finale ai tornei del Grande Slam e non ha giocato affatto al Roland Garros. Ma in generale, l'americano si è sempre esibito a Parigi a un livello medio. Il suo miglior risultato è stato nelle semifinali del 1998, dove non è riuscita a far fronte alla spagnola Aranta Sanchez-Vicario. Ha anche perso tre volte agli Open di Francia nei quarti di finale.

JUSTINE ENEN E WIMBLEDON

Una delle più grandi tenniste del 21 ° secolo non è mai riuscita a conquistare Wimbledon. Anche se sembrava che il gioco del belga fosse abbastanza coerente con l'erba. Justine è sempre stata una persona versatile. Ha agito abilmente sia sulla linea di fondo che a rete. Tuttavia, spesso semplicemente non aveva le prestazioni giuste a Wimbledon, sebbene ci fossero anche casi in cui Justine non ne aveva abbastanza per vincere il tour.nire. Nel 2001, al suo secondo Wimbledon, è arrivata in finale, dove ha incontrato Venus Williams. La belga le ha preso il set, ma Venus è stata troppo brava sull'erba e ha vinto l'ultima partita per zero. Nei successivi due rally di questa competizione, il belga si è fermato in semifinale. Entrambe le volte, Justine non è riuscita a gestire una delle sorelle Williams. Nel 2006, le sorelle non erano le protagoniste. Henin si è mosso con molta sicurezza lungo la griglia. Non ha perso un solo set, ma in finale non è riuscita a far fronte alla tennista Amelie Moresmo, che allora stava vivendo la migliore stagione della sua carriera. Nonostante l'ottima prontezza di Justine, la tennista francese era più adatta a questa superficie, e questo si è riflesso nel finale. L'anno successivo, Justine ha subito, forse, la sua sconfitta più offensiva della sua carriera. Ancora una volta, sembrava brillante nelle prime fasi. In semifinale, la sua rivale era Marion Bartoli, che allora era una normale contadina di mezzo. Ma la francese ha creato una grande sensazione quando ha battuto il primo seme, privandola della sua ultima vera possibilità di vincere a Wimbledon.

Una collezione incompiuta. Donne

Maria Sharapova

MARIA SHARAPOVA E ORO OLIMPICO

La donna russa ha collezionato una collezione impressionante. E nel suo caso sembra davvero collezionare. Tutti i titoli importanti sono conservati in una copia: Wimbledon 2004, US Open 2006, Australian Open 2008, Roland Garros 2012, così come il 2004 WTA Final Championship. Un solo trofeo non è stato ancora vinto da Maria: l'oro olimpico. Non si è esibita ad Atene nel 2004. A quel tempo c'era una tale competizione nella squadra russa che non si qualificò lì. Certo, dopo la vittoria a Wimbledon, ha già superato la valutazione, ma l'eliminazione è stata effettuata dopo il Roland Garros-2004. Quattro anni dopo, la donna russa avrebbe dovuto andare a Pechino, ma ancora una volta non ha funzionato. Ora Sharapova ha perso le Olimpiadi a causa di un infortunio alla spalla, che l'ha messa fuori gioco per molto tempo. E infine, nel 2012, il suo debutto olimpico è avvenuto a Londra. Maria è arrivata in finale al primo tentativo, ma Serena Williams ha battuto. In quell'incontro, la donna russa ha preso solo una partita da un avversario scomodo. Sharapova ha ancora reali possibilità di vincere questo trofeo. Durante le Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016 avrà 29 anni.

ELENA YANKOVICH EI TORNEI DEL GRANDE Slam

Apre un piccolo gruppo di tenniste che non ci sono riuscite ai tornei del Grande Slam, Elena Jankovic. Nel suo caso, la sua carriera sembrava essere un successo, perché è diventata la prima al mondo, ha vinto molte competizioni decenti, ma non ha mai vinto un titolo veramente prezioso. Elena ha raggiunto la vetta della classifica WTA anche prima della sua prima finale da major. In effetti, ne aveva solo uno: US Open-2008. L'ora più bella della serba è stata interrotta da Serena Williams, che è riuscita a battere Elena nel match decisivo. Inoltre, Jankovic ha raggiunto le semifinali altre cinque volte. Ma in un solo torneo poteva davvero vincere- Roland Garros-2008. Poi Elena in semifinale ha combattuto ad armi pari con Ana Ivanovich, che è andata oltre e ha vinto il suo primo e finora l'unico titolo del Grande Slam.

Una collezione incompiuta. Donne

Dinara Safina

TORNEI DI DINARA SAFINA E BIG HELMET

Nello stesso Roland Garros-2008 Ivanovich ha sconfitto in finale Dinara Safina. La donna russa è un altro esempio di leader mondiale del tennis senza vincere i tornei del Grande Slam. Dobbiamo ammettere che i suoi risultati sono stati migliori di Jankovic. Dinara è diventato il primo, avendo due finali contemporaneamente nelle competizioni Big Four. Abbiamo già parlato del primo, lì è stato ripetuto da Ivanovic. Il secondo si è svolto agli Australian Open 2009, dove Dinara ha affrontato la forza indistruttibile di Serena Williams nel match decisivo. L'americano ha sconfitto Safina. Tuttavia, più tardi quella stagione, la russa ha preso il comando di Serena grazie alla sua prestazione costante. Nel 2009, Dinara ha avuto una grande stagione sporca. La sua seconda finale consecutiva al Roland Garros sembrava abbastanza logica. E questa volta ha agito come la favorita per la prima volta. Tuttavia, nella partita decisiva, Safina non è riuscita a mostrare il suo miglior gioco e ha perso contro Svetlana Kuznetsova.

CAROLINA WOSNIATSKI E I TORNEI DEL GRANDE Slam

Wozniacki e il Grande Slam sono un argomento che non si ferma nemmeno dopo che Carolina era abbastanza lontana dalla prima linea. Tuttavia, una volta era una leader fiduciosa e ha trascorso 67 settimane in prima linea. Ha terminato la stagione in prima posizione due volte. E per questo non aveva bisogno di una sola vittoria nella competizione del Grande Slam. Allo stesso tempo, la donna danese ha un solo successo nella finale agli US Open-2009. Poi, sulla strada per la partita decisiva, ha battuto solo una tennista della top 10: Svetlana Kuznetsova. Inoltre, ha strappato quel match in un decisivo tie-break. In semifinale ha battuto la modesta Janina Wickmaier, ma in finale non ha affrontato Kim Clijsters. Successivamente, la donna danese ha avuto diversi approcci alle gare dure, o meglio, tre semifinali agli US Open e agli Australian Open, ma Carolina non ha avuto reali possibilità di successo. Tuttavia, al momento ha solo 22 anni, quindi ha ancora abbastanza tempo per arrivare alla sua prima vittoria al Grande Slam.

Caravaggio - San Girolamo

Messaggio precedente 15 vittorie consecutive di Pavlyuchenkova e Williams
Post successivo Calendario dei tornei. Aprile 2013